martedì 6 maggio 2014

sette personaggi in cerca di sesso


Premiato al Milano Film Festival e visto qualche giorno fa al Tglff, Les rencontres d'après minuit è uno strano oggetto che lì per lì sembra una cosa e poi scopri che è tutt’altro. La storia è quella di quattro sconosciuti che si riuniscono per un’orgia a casa di un curioso trio composto da Ali, Mathias, e il/la loro domestico/a Udo. O perlomeno questo ci racconta la sinossi. Poi scopri che, per il regista, l’esordiente Yann Gonzalez, questa è la versione hard di Breakfast club. Alle atmosfere oniriche e “cartonate”, così come all’umorismo surreale e un po’ greve della parte iniziale, si sostituiscono, con toni a volte divertenti a volte drammatici, le confessioni dei singoli personaggi, finché non scopriamo, come in un Tim Burton per adulti, cosa spinga Ali e Mathias a cercare nuovi compagni per le loro orge (no, non sono vampiri, anche se in certi momenti mi è venuto in mente l’ultimo Jarmusch). Insomma, alla fine il film fa il suo porco lavoro, funziona, e si fa perdonare qualche eccesso. Merito anche degli attori, dalla splendida e algida coppia costituita da Kate Moran e Niels Schneider allo spassoso travesta Nicolas Maury, dal giovanissimo Alain-Fabien Delon (il figlio bello di Alain) alla milf Fabienne Babe, fino al cameo di una Béatrice Dalle sempre più fuori di testa. Un discorso a parte per Eric Cantona che, nel ruolo del superdotato, dà vita a uno dei personaggi più riusciti e credibili: la scena in cui racconta la sua storia è divertente e malinconica insieme.

8 commenti:

  1. la versione hard di breakfast club?
    devo vederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, ma non aspettarti scene di sesso, la cosa più "spinta" è il cazzo finto di Cantona :D

      Elimina
  2. Come finto? Che diludendo... :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non credo che ce l'abbia così nella realtà...

      Elimina
  3. hai detto "atmosfere oniriche", vero?

    Beatrice Dalle è una pazza furiosa, la adoro. Ho letto un'intervista qualche giorno fa, e all'intervistatore che le chiedeva se quel seno così florido fosse frutto della chirurgia estetica lei ha risposto "no, ho solo smesso di sniffare cocaina".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, infatti nei primi minuti e poi al racconto "clou" del perché e percome un po' ti ho pensato. però, a parte il finale un po' drammatico un po' no (minchia come sono antispoiler...), non si prende mai sul serio, ed è uno dei suoi pregi

      la Dalle, dopo quella immane stronzata de L'etoile du jour, io la patisco un po'. però qui ha un piccolo ruolo divertente

      Elimina
  4. Breakfast club in versione hard, ecco, mi hai comprato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. intanto ben arrivato da queste parti! e... oh, «Breakfast club in versione hard» l'ha detto il regista, eh?

      Elimina