lunedì 24 febbraio 2014

se dico cinema…


Mi sa che arrivo per ultimo, ma ci tenevo a partecipare all'iniziativa promossa da Valentina. Chi mi segue da un po' di tempo alcune cose le saprà, ma pazienza. Da dove comincio? Dall'inizio, via. Da King Kong del '33 visto in seconda serata (quindi all'epoca saranno state le 22), mio primo ricordo cinematografico in tv. E poi il musical del mercoledì su Raidue e il film del lunedì su Raiuno, un'istituzione, quello che da trent'anni ha la sigla di Lucio Dalla (se c'è ancora): ricordo una scena più che pudica, con Paul Newman e un'attrice che non so, seduti sul letto, e una censorea dissolvenza in nero tutta televisiva. Ricordo un bambino (io) che fece scappare terrorizzato i suoi dalla sala dove davano Jesus Christ Superstar, e mille altre domeniche pomeriggio in cui quel bambino, poi ragazzino, guardava quasi di tutto con i suoi, e spesso sceglieva lui. Ricordo i turbamenti con i trailer del dopo pranzo, tanta Fenech e non solo: a quell'età mi veniva duro persino con La febbre del sabato sera. Ricordo le tv private: i tanti horror anni Settanta e i film appena usciti al cinema, quelli che non potevo o non riuscivo a vedere, tutti i vietati e quelli che a Palermo non arrivavano o tenevano sì e no una settimana. Ricordo i baffetti di Vieri Razzini e le rassegne di Truffaut, Kubrick, Bergman su Raitre. E poi il doppio spettacolo porno del sabato notte su un paio di telescognite ma anche la selvaggia limonata davanti a quella noia di Sommersby. Ricordo l'emozione di Hitchcock e Arancia meccanica sul grande schermo, il cineclub “scomodo” di don P. con titoli come Silkwood, Agnese di Dio, Thérèse, la scoperta di Almodovar e Heimat 2 per 13 appuntamenti settimanali al cinema Aurora. Il resto, tra sale, muli, festival e torrenti, è storia di tutti i giorni. Potevo non innamorarmi del cinema?

14 commenti:

  1. date le premesse non potevi non innamorarti...

    RispondiElimina
  2. bel post!
    e considerando che arrivi persino dopo ford, mi sa anche a me che sì, arrivi per ultimo :D

    RispondiElimina
  3. perché scappare terrorizzati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. troppa gente che strillava e cantava... non so, prova a entrare nella testolina di un bambino di quattro anni!

      Elimina
    2. io, a cinque anni, sono uscita terrorizzata da "una notte sul monte calvo", ma ESTASIATA da jcs! ma che, davero davero?

      Elimina
    3. gggiuro su mio cugggino ;)

      Elimina
  4. Se ti veniva duro con la febbre del sabato sera sei ufficialmente il maniaco del giorno.. (e magari nessuna reazione a Nynphomaniac, right?) :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma avevo otto anni!!! comunque sì, quasi nessuna reazione a Nymphomaniac. quasi

      Elimina
  5. Oddio il Lunedì cinema con quella sigla assurda!! *__* Quanti ricordi con quel gabbianetto che volava....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assurda ma aveva il suo perché. io ancora me la rivedo perfetta, nella mia mente. ma qualcuno sa se esiste ancora?

      Elimina
  6. Direi proprio che non avevi speranza di salvarti caro Dantès. ;-)
    Grazie per aver partecipato, e poi mica è tardi...=)

    RispondiElimina