mercoledì 19 febbraio 2014

non proprio un bicchiere di vino con un panino


Il 2 febbraio ci siamo giocati uno dei più grandi talenti del nuovo cinema americano. La morte è stupida di per sé, a 46 anni per overdose forse lo è anche di più. Il gruppo di blogger che di solito festeggia idealmente i compleanni, stavolta sceglie di dedicare un doveroso tributo a Philip Seymour Hoffman.


Io lo ricordo con Happiness (1998), a oggi ancora il film più geniale e disturbante di quel geniaccio di Todd Solondz, presentato alla Quinzaine des Réalisateurs del 51º Festival di Cannes e vincitore in quell'occasione del premio Fipresci. Di felicità, a parte forse quella del ragazzino nella scena finale, ovviamente non c’è traccia. Le storie, a incastro, raccontano di uno psicologo pedofilo (l’elemento davvero più inquietante nella sua “normalità”), le sue due cognate che quando provano a cercarsi uno straccio d’uomo si ritrovano una con un ladro, l’altra con l’orrendo vicino di casa pornomane e voyeur (Seymour Hoffman), i genitori delle tre donne che hanno perso ogni piacere tra loro ma anche fuori dalla coppia, una vicina che ha fatto a pezzi il suo stupratore. Poche le star (il povero Ben Gazzara, Lara Flynn Boyle…), attori comunque tutti eccellenti. Durante la visione si ride perfino, ma si esce con un senso di malessere e di fastidio davvero lungo da metabolizzare. Film potentissimo, da vedere nella sua versione integrale. Interessante ma meno riuscito il seguito, Perdona e dimentica (2009), in cui tornano gli stessi personaggi ma interpretati da attori diversi.


17 commenti:

  1. come al solito mi sono perso per strada...Happiness lo adoro follemente, uno dei film più geniali e disturbanti che abbia mai visto...

    RispondiElimina
  2. Mi manca!!
    Devo assolutamente recuperarlo e non solo per Hoffman!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un bel pugno nello stomaco, ma merita tantissimo

      Elimina
  3. Non l'ho mai visto, proverò a recuperarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e vabbè, ma non eri cinofila? ;)

      Elimina
    2. Bello Happiness, sicura di non averlo visto? Che strano... recupera, recupera!
      E tu, Dantès, quando mi rilasci l'ostaggio?? :-D

      Elimina
    3. pensavo di spedirtene un orecchio per posta

      Elimina
    4. @Tiz: così, ad occhio mi dice poco.... poi magari l'ho rimosso, va a sapere.
      Ma... a proposito di ostaggi... tu hai ancora robba mia?

      Elimina
    5. No, li ho tutti rilasciati! :-))

      Elimina
  4. L'ho già trovato su internet e me lo recupero assolutamente. Prima mi preparo però ;)

    RispondiElimina
  5. Mi manca anche questo, è incredibile, devo rimediare.

    RispondiElimina
  6. Film molto disturbante, hai ragione.
    Eppure ricordo che non mi convinse al cento per cento.

    Grande Hoffman, comunque, come sempre.

    RispondiElimina
  7. Manca pure a me, e nonostante i temi disturbanti ispira parecchio. Segno!

    RispondiElimina
  8. film notevole, forse persino troppo disturbante e nero persino per me :)
    di solondz preferisco il relativamente più leggero fuga dalla scuola media

    RispondiElimina
  9. Io ho solo visto Fuga dalla scuola media... Urge recupero!

    RispondiElimina