lunedì 17 febbraio 2014

interno berlinese


Enorme. Mi sono sentito un po’ Totò e Peppino a Milano, ma senza colbacco, ché un febbraio così mite, mi dicono, non c’era da tempo. Però, insomma, abituato al Tff (che è sempre nel mio cuoricino, sappiatelo), qui mi sono trovato di fronte a millemila sale, anche distanti tra loro, e con una programmazione infinita. Certo, non ci si abbona. Su internet i biglietti sono pochi e, se non sai i trucchi, ti tocca fare almeno un’ora di coda. Però. Sòle poche, ma di quelle serie. Molti buoni film, alcuni molto molto buoni. Diciamolo subito, poi ne riparlerò nel dettaglio: il vincitore Bai ri yan huo non mi è piaciuto, mentre, tra i premi minori e collaterali ho amato Kreutzweg e 52 tuesdays. Non ho visto tutto quello che volevo ma, fatta la tara di quelli che hanno già una distribuzione, mi avanzano cinque-sei titoli da pescare nel torrente. Vip intravisti, pochi (io guardavo film, mica cotiche): Ken Loach, Gianni Amelio, Catherine Deneuve. Ho capito che il tappeto rosso mi attrarrebbe solo se io ne fossi protagonista. I buttadentro del Berlinale Palast sono giovanissimi e, tranne che per la benda, sono vestiti come Capitan Harlock. L’unica incazzatura è stata per la versione restaurata de Il gabinetto del dottor Caligari con la musica di John Zorn: organizzazione di merda, alcuni posti da schifo, ho litigato con la maschera in un inglese che come mi è venuto così bene è un mistero, introduzione di un quarto d’ora senza traduzione con due che, parafrasando Tarantino, «si sono fatti i pompini a vicenda». Vabbuò, quand’è che si rifà?

10 commenti:

  1. fra un anno, ad occhio e croce...

    RispondiElimina
  2. I litigi aguzzano il cervello, credo! :-))

    RispondiElimina
  3. Magari voleva dire "vabbuò, quand'è il prossimo festival del cinema?"
    Nel caso, ho visto una locandina (ona) a Porta Nuova su un festival del cinema europeo in Puglia, dal 28 Aprile al 3 Maggio, andrò ad informarmi, che ci sono 25° da quelle parti... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dici il Bif&st di Bari?

      Elimina
    2. No, è a Lecce, sono andata sul sito ma non c'è ancora il programma, ho mandato una mail per avere info.

      Elimina
  4. Quanta invidia!
    Tanto per sapere se devo sfruttare mia sorella berlinese l'anno prossimo: posso anche non sapere un'acca di tedesco e capirci lo stesso (a livello di film e orientamento)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assolutamente sì, io conosco 20 parole di tedesco... tutti i film sono sottotitolati in inglese (tranne quelli in lingua inglese, ovviamente) e tutti quelli che lavorano intorno al festival parlano inglese

      Elimina