venerdì 18 aprile 2014

east but almost least: moebius


Toh guarda, Dantès ha una rubrica. Insomma, son parole grosse. Diciamo che, vista la quantità di film orientali che mi sento di sconsigliarvi, è nato questo giochino del cui titolo sono molto orgoglioso. Beh, si comincia con Kim Ki-duk. Chi l'avrebbe mai detto? A me il regista sudcoreano piaceva, e pure parecchio. Persino Pietà, nonostante tutti i suoi difetti, alla fine non mi era dispiaciuto. Ma che gli è successo? Di che si fa? Moebius (lo dico? lo dico) è una delle cose più brutte che io abbia mai visto. Muto a parte i rumori e gli ansimi è già una scelta del cazzo (ops), una roba da festival che ho perdonato solo una volta nella vita (non vi ho mai parlato di Tabù? malissimo). La trama, gesussanto, la trama è esattamente quella lapidaria fornita da wikipedia: una madre pazza che, non riuscendo a evirare il marito fedifrago, evira il figlio e scappa. Il padre prima insegna al figlio che torturarsi con una pietra ti fa godere quasi uguale, poi si fa evirare per fargli trapiantare l'uccello ma, guarda caso, quello gli tirerà solo in presenza della madre. Sì, perché lei a un certo punto torna, quasi come se niente fosse. Moebius si riferisce al nastro: tutto cambia ma in fondo si ripete, si invertono solo le parti. Inutilmente trucido, vacuamente violento. Finale che neanche la peggiore tragedia greca, attori insopportabili.

16 commenti:

  1. Risposte
    1. eh, guarda! 85 minuti buttati nel cesso

      Elimina
  2. Risposte
    1. no, quello di Miguel Gomes passato al Tff lo stesso anno di Blancanieves. quello sì era un bel film, divertente e strano forte...

      Elimina
    2. L'ho registrato dalla tele, lascio stare eh? Già la rece della Aspesi (divertentissima), poi quella della Poison, ora la tua.... Ho un amico a cui è piaciuto, ma questo mi fa capire molte cose su di lui, a posteriori. :-D

      Elimina
    3. Tiz, direi che è meglio. poi se sei proprio curiosa...

      Elimina
    4. Tiz: guarda che io ne avevo recensito un altro, eh? :)

      Elimina
    5. sì, ma qualcosa mi sa che avevi scritto, mi ricordo anch'io

      Elimina
  3. quando avrò voglia di fare una bella stroncatura, mi sa che me lo recupero :)

    RispondiElimina
  4. Visto a Venezia con Kim a poche file da me, mi sono trovata più volte a ridere a crepapelle. Non so se però era questo l'effetto che voleva.

    RispondiElimina
  5. secondo me Kim Ki Duk ce lo siamo giocati già da un pezzo...io adoro il cinema coreano , anche se vado più su quello di genere, ma molti film di Kim Ki Duk non li reggo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la rubrica proseguirà col cinema cinese, quello sì davvero in crisi, almeno a giudicare da quello che circola nei festival...

      Elimina
  6. Tu vedi film(s) strani. Conosci registi che hanno nomi strani. Il film più strano che ho visto io è stato Miriam si sveglia a mezzanotte. Credo ci fosse David Bowie. Ma ora che l'ho scritto, non sono nemmeno troppo sicuro che la tipa che si sveglia a mezzanotte si chiamasse Miriam. Vienimi in soccorso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ricordi bene. il primo film di Tony Scott. bello. poi ha infilato una serie di minchiate una dietro l'altra

      Elimina