martedì 15 aprile 2014

bello senz’anima


Da queste parti Wes Anderson è autore amatissimo, e dopo quel capolavoro assoluto di Moonrise kingdom mi aspettavo grandi cose dal suo nuovo film. Ma The Grand Budapest Hotel è “soltanto” un delizioso esercizio di stile fine a se stesso, una coloratissima scatola cinese di racconti, un continuo «guarda chi c’è!» e «guarda com’è conciato!», una divertente commedia tra slapstick e cartone animato che sembra un apocrifo ben riuscito, l’omaggio di un fan ricco e scatenato. Confezione impeccabile, cura maniacale, inquadrature che sembrano opere d'arte, rimandi al cinema che fu, un continuo invito al gioco e allo stupore, ma manca l’emozione. Nello strafottio di attori spiccano Tilda Swinton (forse la migliore), Willem Dafoe in versione villain da espressionismo tedesco, Ralph Fiennes, Harvey Keitel, Saoirse Ronan e la rivelazione Tony Revolori. Ma quanto è bella Léa Seydoux?

11 commenti:

  1. Sono molto curioso di vederlo, nonostante Julez tremi solo all'idea! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, dai, le robe brutte sono altre! :D

      Elimina
  2. Noooooo, bello con tanto di anima!!! Ci trovo tutto quello che hai giustamente annotato, tranne la mancanza di emozione. Non l'ho visto come un esercizio di estetica fine a se stesso. Tutt'altro. Mai come in questo film Anderson ha spinto su emozioni vere. La storia dell'immigrato rifugiato. La storia dell'uomo e la solitudine. La guerra e la giustizia. L'amore puro. La fame dei parenti che aspetta la tua morte come un avvoltoio in agguato. La follia sempre all'erta. Un carosello di emozioni e storie che solo Anderson sa giostrare. =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per me è un po' un'occasione perduta. sgrani gli occhi, godi per 100 minuti e poi boh...

      Elimina
  3. che te lo dico a fare? de-li-zio-so.

    RispondiElimina
  4. esercizio di stile è la parola che ricorre più spesso quando sento parlare di questo film.
    e ciò mi preoccupa un po'...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come dicevo a ford, in ogni caso le cose brutte sono altre. solo che sembra un film fatto a uso e consumo dei fan...

      Elimina
  5. A prescindere dall'esercizio di stile, non vedo l'ora di gustarmelo!! *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gustare si fa gustare, senz'altro. spero che a te rimanga qualcosa di più finita la visione

      Elimina
  6. non l'ho visto ma in passato il cinema di Anderson a film alterni mi ha dato l'impressione di essere bello e senza anima...spero che stavolta non sia così...

    RispondiElimina