venerdì 10 gennaio 2014

all’anima dell’anime con l’anima


Potrei iniziare questo post con un pistolotto nostalgico sui miei dieci anni, la tv dei ragazzi alle cinque del pomeriggio, la nutella come madeleine (oggi potrei morire) e altre pippe in senso proprio e figurato. E invece no, basta con il «Si stava meglio quando si stava meglio», viva «Il presente è il futuro» (oddio, sembro Crozza che fa Renzi la strega…). Oggi parliamo di Capitan Harlock. Il cartoon fu un magnifico cortocircuito culturale della mia infanzia, colmo di quello stupore, quella nostalgia, quello struggimento che a dieci anni vivaddio non puoi capire ma solo percepire, come un’erezione inaspettata: altro che le storie faciline, strappalacrime e melense di orfanelle di montagna e saltimbanchi sfigati! Per questo, e perché in questi anni il capitano ha continuato a farmi compagnia in dvd (unico del periodo a reggere l’usura del tempo insieme a Lupin III), l’aspettativa per il film di Shinji Aramaki era altissima. Ai titoli di coda, però, la mia espressione era un po’ meh. Solo un po’, eh. Perché, al di là della reinvenzione dei personaggi, del fatto che Harlock sia a volte più spettatore che protagonista, delle libertà prese qua e là e di cui onestamente m’interessa quasi nulla, quello che scarseggia rispetto agli anime è l’aspetto romantico, è il cuore. Come accennavo alla ms, mi è parso una specie di tragedia di Shakespeare in impeccabile computer grafica 3D, dove, tra fantaparoloni incomprensibili, si filosofeggia in scioltezza d’amore, di morte e di altre sciocchezze tipo famiglia, politica, ambiente. Non è poco, ma non può essere tutto.

15 commenti:

  1. La creatura jappo-dipendente dice che è poco anime per i suoi gusti, Bello, ma poco "animato". Adesso ho capito cosa vuol dire. Anche perché lei è troppo giovane per ricordarsi l'Harlock di cui ci ricordiamo noi (temo che però la mia anagrafica sia messa ben peggio della tua)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh, sono dettagli! diciamo che tu potevi cogliere quelle sfumature che a me sfuggivano ;)

      Elimina
  2. Io l'ho evitato accuratamente.
    Essendo stata innamorata (fisicamente!) dell'Harlock vero non avrei potuto sopportarlo diverso. C'era la tizia con l'ocarina? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, niente ocarina. perché... no, vabbè, sennò spoilero. diciamo che la Terra nel film non sta messa proprio bene...

      Elimina
    2. No ocarina, no Capitan Harlock.

      Elimina
    3. uh, come sei difficile! lascia perdere la nostalgia canaglia e vallo a vedere

      Elimina
    4. Ma come, a 'sto giro sono più snob di te? Vado a segnarmelo! ;-D

      Elimina
  3. Se lo riesco a recuperare me lo vedo: al massimo, poi, lo bottiglio! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, dai, le bottiglie ad Harlock proprio noooo!!!

      Elimina
  4. A me è piaciuto... vabbè che sono di bocca buona...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bello è bello sì. però non so... è come frenato sul piano delle emozioni

      Elimina
  5. Visto che stavo per scrivere lo stesso commento di Amore_immaginato, mi riallaccio alla tua risposta... sì, frenato... o trattenuto. Forse per questo l'ho trovato molto giapponese ed emozionante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che bello che ci sei anche tu! perché non mi vieni a trovare più spesso?!?

      Elimina
    2. Ma io ti leggo sempre Dantés :)

      Elimina
    3. allora sii meno silenziosa ;)

      Elimina