mercoledì 16 ottobre 2013

in fila per quattro/4


Maddai? Ebbene sì, si continua con i migliori film dal 1969 a oggi secondo me (qui, qui, e qui le puntate precedenti). Cosa resterà di questi anni Ottanta? Scoprivatelo.

1984 – C'era una volta in America
Visto che ne ho parlato l’anno scorso, mi cito addosso. Io ’sto film lo conosco quasi a memoria: la scena della charlotte russa con panna, quella di lui che spia lei da ragazzini e poi la lettura del Cantico dei cantici con una Jennifer Connelly mai più così bella, la morte di Dominic («Noodles, sono inciampato»), la cena romantica che finisce con una violenza interminabile che vorresti dire basta, cazzo, non lo capisci che così è finito tutto?, e poi il confronto finale tra Noodles e Max... meraviglia assoluta. De Niro immenso, Sergio Leone purtroppo alla sua ultima regia.


1985 - La messa è finita
Forse il più bel film di Nanni Moretti, di sicuro il migliore tra i suoi drammatici. La storia di don Giulio, che torna nella sua città dopo un periodo da missionario e scopre lo sfacelo delle idee e dei sentimenti in famiglia come tra i vecchi amici, fra adulteri, ipocrisie, aridità d’animo e finte conversioni, è di quelle da pugno nello stomaco. La scena dell’aggressione nella fontana mi ha sempre fatto stare un gran male. Nel cast, tra gli altri, un Vincenzo Salemme incredibilmente impeccabile nel ruolo del brigatista. Orso d’argento a Berlino.


1986 - Hannah e le sue sorelle
Non c’è due senza tre: ancora Woody Allen. Che ci volete fare? Io lo amo in tutte le sue fasi. Beh, quasi tutte, insomma. La storia è corale, ma come si fa a non solidarizzare con Mickey/Allen, ipocondriaco che prova tutte le religioni e infine, guardando La guerra lampo dei fratelli Marx, capisce che il vero significato della vita è spassarsela finché dura? Cast pazzesco: oltre all’immancabile Mia Farrow, Michael Caine (bravissimo), Barbara Hershey (ma quanto era sexy?!?), Dianne Wiest, Max von Sydow, Carrie Fisher. Tre Oscar.

1987 - Il cielo sopra Berlino
Il mio primo Wim Wenders e, che mi ricordi, il mio primo film tedesco contemporaneo (gli espressionisti, invece, li ho masticati fin da bambino, giuro). Da un soggetto potenzialmente letale, un film poetico ed emozionante. La sequenza iniziale, lo sguardo dolente di Bruno Ganz, Peter Falk ex angelo nei panni di se stesso, le musiche di Nick Cave, la povera Solveig Dommartin che volteggia sul trapezio. Berlino e Potsdamer Platz come non sono più, in attesa di scoprirlo di persona, a febbraio, al festival. Mi piscio già addosso dall’emozione...




1988 – D.o.a. - Cadavere in arrivo
E qui vi voglio, o miei implumi. Quanti conoscono questo piccolo gioiellino, remake di un thriller del 1949? Rocky Morton e Annabel Jankel, la coppia che aveva conquistato il mondo con Max Headroom e che qualche anno dopo si sarebbe suicidata artisticamente con Super Mario Bros., dirige questo giallo dal ritmo frenetico con Dennis Quaid nel suo periodo divistico, Meg Ryan ancora preplastica e l’immortale Charlotte Rampling. La corsa contro il tempo del professor Cornell per non morire avvelenato entro 24 ore e dimostrare la sua innocenza dall'accusa di duplice omicidio è di quelle che tengono incollati allo schermo.



15 commenti:

  1. A dimostrazione della mia Crassa ignoranza ho visto solo C'era una volta in America, un capolavoro assoluto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. recupera, recupera, oggi ce n'è per tutti i gusti!

      Elimina
  2. io, io, io! io lo conosco Dead on Arrival. Ma che domande fai? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anfatti tu non sei implume... ;)

      Elimina
    2. sono pistino come ogni buon piemontese che si rispetti

      Elimina
    3. cosa, che, non essendo tu piemontese, è davvero preoccupante! :)

      Elimina
    4. e non sono piemontese da generazioni, pensa!

      Elimina
    5. Praticamente come me, pensa! :)

      Elimina
    6. neanche io sono implume:presente!!! Lo conosco anche io e l'ho gradito anche...

      Elimina
  3. guadagni punti con C'era una volta in America e Hanna e le sue sorelle, ma ne perdi uno con Moretti... proprio non lo sopporto!

    Doa invece non lo conosco :(
    ora però lo voglio vedere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è uno di quei film misteriosamente spariti dalla circolazione, recuperalo!

      Elimina
  4. Doa mi manca, il resto superapprovato! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è un capolavoro, ma fa il suo porco lavoro d'intrattenimento ed è uno dei più dimenticati titoli di quel periodo. merita il recupero

      Elimina