martedì 9 ottobre 2012

tema: gli uomini non capiscono un cazzo


Ali ha la moglie in galera, un figlio piccolo che non sa come trattare e non ha un soldo. Si trasferisce a casa della sorella, trova lavori sempre peggiori (da buttafuori a “piazza la telecamera a sgarrupo così licenzio qualcuno”) e a tempo perso vince incontri di menadovetipare. Stéphanie, di giorno addestratrice di orche, di sera provocatrice a salve di maschi repressi, perde le gambe in seguito a un incidente. Ruggine e ossa (Il sapore è quello del culo dei titolisti italiani) è la storia della strana unione delle loro disperazioni che si trasforma in amore: siete già scappati? E fate male: Jacques Audiard si conferma un ottimo narratore, non c’è pietismo né melodramma, le lacrime (almeno per quanto riguarda il sottoscritto) scorrono solo sul finale. Ah, Marion Cotillard è meravigliosa, ma questo lo si sapeva già.


14 commenti:

  1. uff. che non so se c'ho voglia di piangere.
    vero è che tu piangi più di me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vai, merita. e se ho pianto poco io, magari a te non viene neanche un po' di magone

      Elimina
    2. mi stai dando della carogna senza cuore? :)

      Elimina
    3. volevo informarti che non ho lacrimato.

      Elimina
    4. però mi è piaciuto molto, eh?

      Elimina
  2. dai che questo audiard me lo sparo, mi hai convinto, poi se c'è la cotillard....

    RispondiElimina
  3. come succede spesso, hai colto lo stesso senso che ci ho colto io (e però confesso che l'ho visto perché mi ha convinto la tua rece e un paio di cose che ho letto su ciak). non ho pianto, e io sono uno che piange molto, ma mi è molto piaciuto.

    ps mica avevo capito che la moglie era in galera. la davo per dispersa o morta o affanculo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mah, se non ho capito male sì, è in galera. all'inizio si dice che l'hanno presa per spaccio

      Elimina
  4. si avevo capito dello spaccio e della droga sicuro. sicuro che mi son perso qualcosa per stanchezza, curiosamente all'inizio, ché poi mi son svegliato

    RispondiElimina