martedì 21 settembre 2010

pisellov


Giro per blog e mi accorgo di come sia facile vomitare odio, solitamente per le cose più futili. Vuoi mettere un bell’abbassojuveligaschifomerdabersanipuzza mentre la nave affonda? È forse per questo che stamattina, in un eccesso di gentilezza tale che mi toccherà fare lo stronzo fino al 2030, ho parlato per dieci secondi con un hare krishna. Sì, presente hare krishna hare hare? Ecco. Ero lì che lavoravo e, a un tratto, mi è apparso questo anacronismo vivente. Che dire, mi ha colpito la sua gentilezza. Dici, ma come? in così poco tempo? Sì. Avrei potuto vomitargli addosso il mio agnosticismo (che di per sé, non essendo un dogma, non si può vomitare) e invece l’ho ascoltato per dieci lunghi secondi. Poi, scrollando la testa gli ho detto che non ero per niente interessato. E avevo proprio l’aria di uno che non è per niente interessato, non quella di uno che pensa «ma guarda ’sto piciu».

10 commenti:

  1. Cioè, vent'anni di stronzaggine per dieci secondi di gentilezza? Ma cosa dovrò fare io, allora, in cambio dela fatto di non uccidere il testa di geova che periodicamente cerca di mollarmi il suo volantino al mattino mentre cerco spasmodicamente di raggiungere il mio ufficio entro l'orario limite?

    RispondiElimina
  2. quello, però, è veramente un pichu.

    RispondiElimina
  3. bisognerebbe girare con un cartello al collo con su scritto "sono uno che quello che gli serve se lo procura", o anche "non ho bisogno che tu mi spieghi le mie opinioni", così non saremmo costretti ad essere gentili con gli scassamaroni. mi hai dato spunto per raccontare una cosa nel mio bog (non è un refuso), buona giornata.

    RispondiElimina
  4. Giro per blog e mi accorgo di come sia facile sprizzare amore e felicità solitamente per le cose più futili. Vuoi mettere un bell’amoremiobellissimosonofelicehoventinoveanniparrucchiereamichepasseggiotraglialberimanonellamano mentre la nave affonda? È forse per questo che stamattina, in un eccesso di stronzaggine tale che mi toccherà fare la felice fino al 2030, ho parlato per dieci secondi con una ventenne in odor di matrimonio e maternità. Sì, presente here comes the bride with a good future? Ecco. Ero lì che non facevo un cazzo e, a un tratto, mi è apparso questo conformismo vivente. Che dire, mi ha colpito la sua consapevole saggezza. Dici, ma come? in così poco tempo? Sì. Avrei potuto emanare empatici segnali di condivisione della sua gioia (che di per sé, essendo io una lacaniana convinta, non si può condividere) e invece l’ho ascoltata per dieci lunghi secondi. Poi, scrollando la testa gli ho detto che l'amore non esiste. E avevo proprio l’aria di una che l'amore non esiste, non quella di una che pensa «ma guarda sta figa, io qui muoio di invidia e di anorgasmia e lei gode ad ogni respiro».

    RispondiElimina
  5. espe: testi di geova no, non si possono reggere
    ganfione: why bog?
    elena: nessuno mi ha mai omaggiato così, sai che mi commuovo facilmente! chi dice che l'amore non esiste proclama un dogma. io invece dubito su tutto, anche sul fatto di dubitare. un orgasmo (più di uno, via) ci salverà

    RispondiElimina
  6. elena quella di londra22 settembre 2010 13:27

    dantés, mi hanno portato via marx, lasciatemi almeno una metanarrativa per non affogare.

    cioè tu mi dici che un giorno potresti credere in dio?

    RispondiElimina
  7. dio o chi per lui? e perché no? come scrissi altrove, sogno un finale alla mission to mars, senza lacrime e con più di una risata

    RispondiElimina
  8. e che, il mio me lo chiami blog? :-)

    RispondiElimina
  9. Quasi quasi torno dal dentista, io...

    RispondiElimina
  10. Magari era solo un Testimone di Geova vestito di arancione...

    RispondiElimina