mercoledì 13 novembre 2013

in fila per cinque/8


Penultimo appuntamento con i film della vita. Anno dopo anno ci avviciniamo all’oggi, ma devo dire che, contrariamente a quanto mi aspettassi, le ultime scelte sono quasi più facili delle prime. Ah, stavolta un fil rouge non c’è neanche a pagarlo.

2004 - Se mi lasci ti cancello
Vabbè, visto che non possiamo buttare la chiave della galera in cui sono dovrebbero essere rinchiusi certi titolisti, sorvoliamo sull’abominevole traduzione dell’intraducibile Eternal sunshine of the spotless mind. Il film di Michel Gondry, scritto da Charlie Kaufman, è una meravigliosa storia d’amore. Punto. Cos’altro serve sapere? Ci sono Jim Carrey e Kate Winslet che decidono di cancellare il ricordo l’uno dell’altra, c’è un’idea geniale su cui ruota tutto, c’è un finale che non puoi non piangere, c’è Kirsten Dunst con il suo solito bel paio di tette in versione infermiera fumata. Oscar per la miglior sceneggiatura originale.

2005 - A history of violence
Unico Cronenberg della selezione? Già, ma sapeste quanti sono stati lì lì per entrare! Vabbè. Tratto da un fumetto di John Wagner e Vince Locke, il film è... una storia di violenza, esattamente quello. In cui Viggo Mortensen, bravo padre di famiglia (con diligenza, credo) nonché rispettato cittadino, diventa pure eroe locale per aver sventato un tentativo di rapina. Peccato che da quel punto in poi emergono tutti i suoi scheletri nell’armadio e che l’amabile omettone sia in realtà un killer mafioso che s’è rifatto una vita in un bdc americano. Thriller tesissimo, da vedere insieme a La promessa dell’assassino, altro titolo notevole della coppia Cronenberg-Mortensen.

2006 - The prestige
L’ho già detto che mi piacciono i film con i maghi? Sì, l’ho detto qua. Eppure questo film qui me l’ero perso senza troppi rimpianti e recuperato in dvd solo un annetto dopo. Piciu! Perché merita. Intanto la regia è di Christopher Nolan, vivaddio in vacanza dal cavaliere oscuro, così oscuro che io mi ci assopisco facilmente. Qui la storia è di quelle divertenti e avventurose che farebbe la gioia di un bambino degli anni Settanta in un sano pomeriggio di cinema parrocchiale. Il cast comprende Christian Bale, Michael Caine, i due bonazzi Hugh Jackman e Scarlett Johansson. Delizioso (vero, poison?), il cameo di David Bowie.

2007 - Io non sono qui
Me lo dico da solo: una delle scelte più anomale di tutto l’elenco. Todd Haynes, quello di Safe, Velvet goldmine e Lontano dal paradiso, filma questa assurda, incredibile, non-biografia quasi autorizzata di Bob Dylan, nella quale a interpretare il cantante nelle sue varie fasi, artistiche e private, si cimentano il piccolo Marcus Carl Franklin, Christian Bale, Richard Gere, Heath Ledger, Ben Whishaw e, soprattutto, la migliore: Cate Blanchett. Completano il cast Charlotte Gainsbourg, Michelle Williams e l'immancabile Julianne Moore. Uno strano mélange quasi psichedelico che conquista. Se non si conosce Dylan non si capiranno alcuni passaggi, ma poco importa.

2008 – Il divo
Volendo fare il giochino dei critici stipendiati, se La grande bellezza è La dolce vita di Paolo Sorrentino, Il divo è il suo Todo modo. Più allegro, certo, meno funereo, ma non meno satirico e spietato. Vita e miracoli non solo del gobbo malefico (un Toni Servillo immenso), ma di tutta una classe dirigente da paura (una sfilza di caratteristi meravigliosi tra i quali emerge Carlo Buccirosso nei panni di Cirino Pomicino). Una storia così lontana così vicina, raccontata con ironia beffarda, surrealtà e paradossi che avrebbero fatto felice Elio Petri, cui Sorrentino deve evidentemente tantissimo. Da proiettare nelle scuole.

Ritardatariiii, qui ci sono le puntate precedenti:

1969-1973
1989-1993

17 commenti:

  1. Grandissima selezione, questa.
    Approvo alla grande tutti e senza riserve. :)

    RispondiElimina
  2. Posso dirlo? Lo dico.
    A me "io non sono qui" aveva convinto davvero poco. Strepitosi
    Marcus Carl Franklin e Christian Bale, ma, poi non so se sia un problema di aver visto il film doppiato o meno, Cate Blanchett troppo sopra le righe e... niente. Un po' che due coglioni, ecco. Ma la fotografia era splendida, eh?
    Anzi, se preferisci... deliziosa. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me aveva veramente sorpreso. avevo preso il dvd perché non avevo niente da fare, e invece mi era proprio piaciuto tanto

      Elimina
    2. allora se c'hai il divuddì magari un giorno me lo presti, così provo a rivederlo in lingua originale...

      Elimina
    3. lo noleggiai, ma con i miei potenti mezzi te lo recupero

      Elimina
    4. ah, no, non c'è problema, figurati!

      Elimina
  3. Io non sono qui mi manca. Ma gli altri ottimi (anche se io ho fatto scelte diverse....)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il film di Haynes ha avuto una circolaziona abbastanza marginale. se ti capita, recuperalo!

      Elimina
  4. Dal 2004 al 2006 è una tripletta mica da ridere, film che ho adorato! Gli ultimi due ancora mi mancano, segno anche quelli :)

    RispondiElimina
  5. Eternal sunshine of the spotless mind è uno dei miei film della vita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. penso tu sia davvero in buona compagnia :)

      Elimina
  6. Grandissimi titoli, te l'avevo detto che ci dobbiamo sposare...ma vabbè chette devo dì, The Prestige è stupendo, Il Divo pure, Eternal sunshine è un capolavorissimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se gli altri ti mancano, che aspetti?!?

      Elimina
    2. veramente gli altri ce li ho già hehehe

      Elimina
    3. se intendevi quelli di prima beh, posso fare due più due e insieme fanno quattro hahaha XD

      Elimina