giovedì 6 maggio 2010

bambo talks


Abitiamo più o meno uno di fronte all’altro. Ha sì e no 25 anni, la barba, gli occhiali e gli stessi vestiti buoni per ogni stagione. Quando lo incrocio mugugna di timidezza qualcosa tipo buongiorno. Che lavoro faccia è un mistero: ha l’aria dell’informatico ma forse arrotonda come serial killer del pomeriggio, visto che esce sempre quando io torno per pranzo. Da tempo l’ho battezzato il ragazzo più vecchio del mondo. Mai sentito parlare, almeno fino a ieri, quando l’ho incrociato nella salumeria buona del bdcdP: spesona di galuperie fra le quali stonava un anonimo olandese da supermercato che lì, giustamente, costa il doppio. E parlava. Parlava come ti aspetti che faccia il ragazzo più vecchio del mondo. Con l’umorismo preistorico di chi è nato da genitori già negli anta, la cultura spicciola, onnivora e approssimativa di chi si interessa a tutto senza amare niente, la galanteria di uno che non è mai stato baciato. Struggente, imbarazzante, fuori sincrono con il mondo.

18 commenti:

  1. questa descrizione se fosse un quadro me la comprerei.

    RispondiElimina
  2. Meno male che non ci troveremo mai a fare la spesa insieme, io e te... :)

    RispondiElimina
  3. ms: se la compri, io la vendo
    sed: perché meno male?!? ;)

    RispondiElimina
  4. affare fatto: ho un sacco di monetine che non prende manco la macchinetta del caffè...

    RispondiElimina
  5. faccio sempre battute idiote e grande uso di proverbi e modi di dire... :)

    RispondiElimina
  6. se non fosse che ho quarantanni sono femmina e gli istinti seriali li ho soprattutto di mattina, penserei che stia parlando di me

    RispondiElimina
  7. ms: spiritosissssima
    sed e simo: posso presentarvelo ;)

    RispondiElimina
  8. ODDIOODDIO!!! Figlio di genitori già negli 'anta? POVERO EREDE! POVERO EREDE!!! ha già qualche avvisaglia...intelligente, puntuale, preciso. Nooooo!!! Stop.

    RispondiElimina
  9. stop: tranquilla, lo sono anch'io e sono venuto su benissssimo. credo...

    RispondiElimina
  10. Ah, sì. E' mio cugino Beppe. Me l'aveva detto, che abita di fronte a uno inclinato con la macchina foto e un depliant. Ha tredici anni, è un po' fané ma è buono.

    RispondiElimina
  11. Uh, ero io, espé

    RispondiElimina
  12. Ma sai che a me sti tizi piacciono? Li starei ad osservare per ore. Mi provocano tristezza, mista a morbosa curiosità. Tipo l'Opus Dei, per dire.

    RispondiElimina
  13. espe: a 13 anni ha la barba? (per l'uso di fané vinci 1000 punti!)
    evaso: l'opus dei a me provoca terrore, più che altro...

    RispondiElimina
  14. Ma sì, guarda, 'sti giovani d'oggi son così precoci! (che ci faccio su, con i punti, uno spremiagrumi, una borsa frigo?)
    espe

    RispondiElimina
  15. se aggiungi 40 euro, una splendida padella ;)

    RispondiElimina
  16. La mia discontinuità nel fare tutto mi fa perdere cose così. Dovrei esserci abituato e invece non mi ci abituo mai. Se questo post fosse un quadro aspetterei ms nel parcheggio con un randello.

    RispondiElimina
  17. perché randelleresti la ms?

    RispondiElimina
  18. Perché ha comprato il quadro prima di me.

    RispondiElimina