martedì 19 luglio 2011

mannaggia lu pizzicà


Curioso: c’è più atmosfera da pizzica stasera nel bdcdP che alla Notte della Taranta giù in Salento. I due fricchettoni di sessant’anni sono commoventi, perfetti nei movimenti misurati, bellissimi nella loro complicità. La ragazza riccia ha un abito che ci si aspetta che col tanto agitarsi scivoli sulle tette e invece niente. L’uomo con la maglietta rossa sembra una ballerina di carillon con le fattezze dello spaventato del presepe. La bambina di F. dopo un po’ si rotola per terra sotto lo sguardo felice dei genitori; un bambino che ha la sua stessa età a terra ci finisce perché casca, lontano anni luce da quella libertà. La donna anziana accanto a noi ha gli orecchini di padre Pio e una frenesia trattenuta: alla fine si alza, si muove prima timidamente, poi sempre più a ritmo, sempre più coinvolta; la montagna di grasso che l’accompagna resta seduto, la guarda come si guarda un parente, non si capisce se più con vergogna, con invidia o con odio. Se diventi così ti ammazzo, mi dici ridendo ma mica tanto. Se divento così mi uccido prima io.

7 commenti:

  1. Ma la faccenda della masturbazione suicida... che c'entra? :-D

    RispondiElimina
  2. eh?!? scusi signorina, ha sbagliato blogghe, quello è della po'

    RispondiElimina
  3. If orgasm is the little death, is masturbation the little suicide? questa?

    RispondiElimina
  4. Comunque da ciò si evince che la Po' è sempre un passo avanti, ma pure due :-D

    RispondiElimina