giovedì 8 aprile 2010

la ballata del pittore


C'era questo bambino con la funcia, i capelli a caschetto, gli occhi azzurri. Praticamente, se avessimo avuto come compagno di scuola Brad Pitt, quest'ultimo non se lo sarebbe filato nessuno. I maschi gli invidiavano il padre, ex mito dello sport cittadino. Le femmine lo adoravano in silenzio, ma per fortuna erano ancora piccole per farcelo pesare. Lui disegnava. Non grandi cose, ma neanche i nostri sgorbi. I colori io li odiavo, non sapevo mai come usarli; lui li conosceva, sembrava che ci giocasse, e probabilmente era così. Poi siamo cresciuti. Lui è andato a Milano. Anch'io. Lui ha scoperto che la cosa che voleva fare era solo la punta dell'iceberg di quello di cui era capace. Anch'io. Lui da un po' non ha più il caschetto e la funcia. Io da un po' non ho più tanti capelli e la bocca aperta. Di lui ogni tanto vedo qualche quadro in giro. Alcuni mi piacciono, altri mi inquietano, altri ancora li adoro perché mi fanno i due effetti insieme. Ma ho smesso di invidiarlo credo 30 anni fa. Perché anch'io, se mi spara il mio amico M., sono capace di morire al ralenti come nei film.

12 commenti:

  1. funcia?

    esperplessa.

    RispondiElimina
  2. Eh, infatti. Cercare funcia e trovare questi non è bello.
    Poi vorrei il numero di telefono dell'amico M. per chiedergli di spararti (ché devo supporre che se ti spara un altro qualsiasi non è la stessa cosa), così capisco bene pure la storia del ralenti. Cin.

    RispondiElimina
  3. funcia in siciliano significa più o meno broncio, hai presente i labbroni alla bredpit? poi è vero, significa anche funghi e che poi si dice "'sta gran funcia 'i minchia" che vale sia come insulto sia come "masticazzi!"

    RispondiElimina
  4. (Com'è che nessuno ha ancora inventato "masticacazzi"?)
    Bando alle ciance (che sono diverse dalle funcie (ma il plurale va con o senza la i). Sto suonando il citofono di casa tua, tu mi ripsondi "Chi è?" ed io ti dico: "Cià, sono la spoah. Ti vuole Filippo. Vieni?" E tu non fraintendi, perché sei furbo. E neanche mi paghi la mancia per la mia opera pia di messaggera, perché io non sono venale. Ho finito.

    RispondiElimina
  5. (... Mancano una parentesi e un punto interrogativo: trattenuti come cauzione.)

    RispondiElimina
  6. Ah, il numero di telefono... non esageriamo con la furbizia.

    RispondiElimina
  7. E per fortuna che leggo i commenti. Perchè io quel funcia-virgola-i-capelli-a-caschetto-virgola lo avevo interpretato come esplicativo. Che poi l'unica assonanza che mi era venuta in mente era con lo o gli sfunciuni che devo aver letto in qualche Montalbano. Traduco: non avevo capito una cippa. Ovviamente vorrei dire una parolina al tuo amico M.

    RispondiElimina
  8. Per Dantès. Ah, ho capito. Le bobe. Morire al ralenti è una sciocchezza, son buoni tutti. Come te la cavi col morire mitragliato?

    e-e-e-e-e-e-e-espe

    RispondiElimina
  9. Il numero di telefono di M.!
    Ma porca miseria... Poi passo io per quella straveggolata. Basta, mi ritiro a vita privata.

    RispondiElimina
  10. ahahahah! sulla "funcia", scusami, ma sono piegata in due dalle risate.

    RispondiElimina
  11. espe: scherzi? il mitragliato è la mia seconda specialità!
    ms e sandali: siete sicure di voler parlare con quell'uomo lì? donne avvisate...

    RispondiElimina