giovedì 25 marzo 2010

espò 2010


C'è un posto a Milano con una rotonda che ti ci imbrogli quasi sempre. Un posto che di qua c'è via Padova, quella dove fino all'altro giorno ci si ammazzava tutti, adesso è la pace (forse quella eterna) e dove, se cercate bene, c'è una traversa con un piccolo ristorante friulano (è o no zona etnica?) in cui si mangia da dio (ma dio mangia?). A fianco c'è viale Monza: vai su e c'è lo Zelig (o c'era?), le puttane, la Brianza che tu pensi che è ancora Milano e invece è lì pronta, capannoni e tutto il resto. Sull'altro fianco, tiri su e c'è (c'era?) il Leonka, che io i centri sociali mai capiti, ma massimo rispetto. Dalla parte opposta, Buenos Aires (ma non la città, ché siamo a Milano, il corso!) con i negozi dello shopping un po' sfigato un po' no, il cinema Arcobaleno dove vidi un paio di film saran dieci anni, un mcdonald's che puzza fino a Porta Venezia e il ricordo di una delle canzoni più geniali di Lucio Dalla. Beh, comunque, sappiate che questo posto, con la rotonda e tutto il resto, è l'unico in cui mi piacerebbe presto incontrare Al Cafone. Incontrare, beh, adesso è una parola grossa. Vedere bene, diciamo. A costo di mettermi anch'io a testa in giù.

12 commenti:

  1. e la Upim? non mi dire che non c'è più la Upim!
    che se poi invece di andare a padova vai giù per gli abruzzi, ti avvicini a un altro ristorantino che non è friulano, e che, a dispetto del nome forse non è nemmeno economico. ma si mangia bene.

    poison

    RispondiElimina
  2. certo che c'è sempre la upim, non preoccuparti. e in fondo, ma molto in fondo a viale abruzzi, tanto che mi sa che non si chiama già più così, ho fatto pure un corso. ma sai che i post lunghi mi fanno venire l'orticaria, anche i miei (com'è che si chiama il ristorante?)

    RispondiElimina
  3. Io odio quella rotonda lì. Ho detto. (E tra mezz'ora mi tocca pure farla).

    RispondiElimina
  4. ah, meno male! che mi piace aver delle certezze...
    si chiama "alla cucina economica". Non ci vado da un po', ma fino all'ultima volta ci si mangiava bene...

    poison

    RispondiElimina
  5. C'è una con la coda di paglia che si ritiene offesissima. La Upim qua non c'è più; da annieannieannieanni... (che non è quella del film di Woody ripetuta tante volte).

    RispondiElimina
  6. Poisò, non è che c'è l'imbroglio? Sarà mica questa la cucina economica?

    RispondiElimina
  7. poison: mh, il nome non mi è nuovo, proverò
    ms: secondo me la upim non c'è più in molti posti da annieannieannieanni, solo che nessuno ha avvisato né i clienti né i commessi

    RispondiElimina
  8. ms, potrebbe anche darsi, io del resto un giro nelle cucine non l'ho fatto!

    po'

    RispondiElimina
  9. Accidenti come sei incazzato!!!

    RispondiElimina
  10. Non so se detengo un record, ma un giorno, dall'inizio del corso quello della città argentina fino a poco prima del leonka (fu) c'ho messo un'ora e ventisette minuti (Precisi, ho cornometrato) e c'era solo traffico!!! Lo odio quel posto. Non che il resto di Milano mi piaccia, beninteso.

    RispondiElimina
  11. sandali: è consolante sapere che anche gli autoctoni hanno problemi con quella rotonda malefica!
    bionda: azz, questo è un record! comunque non sono incazzato, sono più disgustato a dire il vero. milano invece la amo, di un amore non sempre corrisposto ma la amo

    RispondiElimina
  12. al cafone e pure qualcunaltro a testa in giù. ma ci accontentiamo di al cafone....che poi tocca pulire per tutto il trucco che si è sciolto.

    RispondiElimina