mercoledì 22 luglio 2009

tuarzarbetterdenuan


Del Boss scrissi di là più di un anno e mezzo fa. Sottoscrivo tutto quello che riguarda il concerto; quanto al luogo in cui si è svolto, beh c'è una bella differenza. Intanto lo stadio. Ché quando entri, soprattutto tra gli ultimi come ieri sera, ti sembra sempre di dover giocare una partita e che tutto il casino intorno lo stiano facendo per te. E questo è bello. Ma poi c'è Torino. Dove i vigili sono meno spiritosi e anche un pelo più isterici dei ghisa. Dove se non hai mai visto il Toro, non hai idea di dove cacchio parcheggiare e le indicazioni non t'aiutano manco per un cazzo. Dove parte del pubblico dopo due ore inizia a guardare l'orologio. Sempre, comunque, anche se a casa non ha niente di meglio da fare. Certo vedere una coppia di mezz'età ballare Twist and shout (ché il signor Bruce – con l'aria di uno che dopo quasi tre ore senza la cazzata del bisbis fuorifuori sta proprio bene dove sta – a fine concerto l'ha infilata tra Pete Seeger e La bamba, quarta cover dopo Travelin' band) è stato un vero spettacolo nello spettacolo.

12 commenti:

  1. Drive all night! a Roma non l'ha fatta :( se ci pensi anche il Boss è un uomo di mezz'età, però però..Bruce ne vale sempre la pena, com'è che dicono? "Il mondo si divide in 2 categorie di persone, quelli a cui non piace Springsteen e quelli che non lo hanno mai sentito dal vivo"
    Bellissimo. Per quanto mi riguarda sto ancora con quel sorrisetto ebete stampato in faccia da domenica sera.

    RispondiElimina
  2. sai che cambia spesso scaletta, comunque Drive all night è stata una di quelle a richiesta. oh, il Boss 60 anni se li porta in modo egregio!

    RispondiElimina
  3. Io il Boss lo avevo visto a San Siro. erano gli anni di Srpingsteen, santana e Bowie a san Siro e gli Stones a Torino. Roba d'antiquariato. Però le spilline e gli adesivi dovrei averli ancora.

    RispondiElimina
  4. Siccome più invecchio più divento acida, ho dimolto apprezzato questo post
    di Matteo Bordone sugli U2. Ma non per gli U2, per i tipi col telefonino.

    RispondiElimina
  5. 60anni così? ci metterei la firma!
    Per commentare sandali: non credo si tratti di età né di acidità. I tipi col telefonino sono la parte peggiore dei concerti.

    RispondiElimina
  6. ms.: arz, ché arts mi sembrava equivoco
    sandali ed eri: anche ieri, ovvio, c'erano i telefoninari. mi hanno sempre messo molta tristezza, un po' come quelli che con la macchinetta trovata nell'uovo di pasqua fanno foto a chilometri di distanza. ma anche sugli u2, tutto sommato, mi trovo d'accordo...

    RispondiElimina
  7. però non hai commentato l'anonimo del primo commento......vuol dire qualcosa tutto ciò????

    RispondiElimina
  8. stranieronellanotte22 luglio 2009 19:35

    l'ultimo anonimo non è la prima anonima, ma io,stranieronellanotte sugnu

    RispondiElimina
  9. straniero: vuol dire che l'anonima forse è quella che pensa le abbia dedicato la canzone... e forse è vero (che gliel'ho dedicata e che è lei, almeno credo)

    RispondiElimina
  10. Copioincollo:heart /hɑːt. Insomma, con due figherrimi punti te la cavavi.
    Mò vedo se riesco anch'io a dedicare una canzone ad un anonimo che non so chi è e che lui/lei non sa se è lui/lei quello/a a cui ho dedicato la canzone e poi magari mi lascia un commento ma non saprò mai se è il suo. Poi mi faccio ricoverare in un reparto con l'aria condizionata.

    RispondiElimina