mercoledì 9 gennaio 2013

ammazzacaffè


Primo: l’inglese parlato dagli scozzesi è comprensibile come l’attizzamento di fronte a un porno di saratommasi, cioè manco per niente. Secondo: ho visto un film di Natale a Natale. Che credo non mi capitasse da un po’. Insomma eravamo lì a Bologna dopo pranzo, cosa si fa, cosa non si fa, il Lumière è vicino, sì, vada per Ken Loach: autore che amo pressoché sempre, di cui ho compreso ma non condiviso il recente incaponimento antitorinese, e che soprattutto qualche anno fa mi ha ispirato uno dei migliori post di questo blog. La parte degli angeli (cazzo, una traduzione perfetta! come mai?) è una favola divertente, magari un po’ buonista, ma che racconta con onestà e convinzione le nubi di ieri sul nostro domani odierno. Da applauso gli attori, a cominciare dal protagonista Paul Brannigan, il quale ha una storia personale mica da ridere: fa un po’ impressione sapere che, per certi versi, somiglia a quella del suo personaggio. Che dire? Si esce col sorriso sulle labbra, un rivolo di ottimismo che ti scorre nelle vene e un desiderio irrefrenabile di whisky (galore, if possible).

P.S.: da oggi questo blog ha anche una email dedicata. E prima o poi avrà anche un widget fatto con le mie manine...


6 commenti:

  1. Sorriso sulle labbra, rivolo di ottimismo e un desiderio irrefrenabile di whisky, sì! Peccato scoprire che il whisky non mi piaccia, sob.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me non hai bevuto quello davvero buono...

      Elimina
  2. Risposte
    1. dedicata al blog... sì, insomma, nel caso in cui qualche straniero avesse voglia di molestarmi in privato e non qui

      Elimina
  3. L'hai fatto per festeggiare il mio ritorno? :)) (loach è in programma tra qualche settimana. Mi tocca aspettare)

    RispondiElimina
  4. Bellissimo film. Un Loach finalmente più ottimista.
    Dalle mie parti amatissimo.

    Del resto, con il whisky di mezzo, non poteva che essere così! :)

    RispondiElimina