lunedì 7 giugno 2010

malta portami via


Se non vi ricordate Ciro Sebastianelli, non capirete il titolo del post, ma ormai ci sono quasi abituato. Che dire di Malta? Condensare è come cercare un vino in un winebar di Xlendi (stesso paesino nella cui scalinata ho lasciato qualche centimetro di pelle); un po' come trovare un angolo tranquillo a Paceville alle dieci di sera, ascoltare con piacere i discorsi di un turista italiano, vedere qualcosa di esteticamente brutto a M'dina e Rabat, trovare sporcizia sul lungomare di Sliema. In una parola, che poi sono due, è impossibile. Ma ne riparleremo in altri post. Apprendo dai vostri blog (a proposito: Anna, Ganfione, Poison, troverete miei commenti recenti a post vecchi di una settimana) che sono morti Dennis Hopper e Gary Coleman (la maledizione di Arnold è compiuta, credo sia rimasta in vita e non in galera soltanto la tata): speravo se ne andasse via per sempre qualcuno che lo meritava. Peccato.

Sliema, quasi tramonto © Dantès 2010

7 commenti:

  1. ma anche a malta le stelle di stagnola son taglienti?
    (poison)

    RispondiElimina
  2. signora mia, non sa di pane la poesia fra i denti!

    RispondiElimina
  3. ganfione sempre minuscolo, grazie :-)

    RispondiElimina
  4. bentornato. banale ma sentito

    RispondiElimina
  5. ganfione: prendo nota
    elena: grazie!

    RispondiElimina
  6. Le bes-cie grame a moiran mai. Benritrovato!
    espe

    RispondiElimina
  7. per un attimo pensavo parlassi di me ;)

    RispondiElimina