venerdì 26 luglio 2013

l'uomo che parlava troppo


Ah, me lo ricordo quando ho visto I soliti sospetti. L'Immacolata, o giù di lì. Uno dei cinema più sfigati di Palermo. La lungimiranza dei distributori l'aveva dato per morto la settimana dopo: come andò lo sappiamo tutti. Come Le iene, d'altra parte: nessun paragone, solo stessa storia di miopia. Eppure, un filmone. Regia dell'allora sconosciuto, grande, Bryan Singer (vabbè, si è anche impantanato con Superman returns e Il cacciatore di giganti, ma non sottilizziamo). Un film in cui Gabriel Byrne riesce a farsi piacere. Cazzo, già solo per quello! Un film in cui Benicio Del Toro è perfetto. E Chazz Palminteri, nato per le due facce della legge, qui è un poliziotto superpiù preso beatamente per il culo. Dulcis in fundo, è il film che lancia nell'empireo cinematografico (e non ci sono cazzi) Kevin Spacey. Non ancora sosia di Ettore Andenna, ma spettacolare nella performance zoppa-storpia di Verbal che lo renderà uno dei personaggi più memorabili dei noir degli anni Novanta. Dialoghi spettacolari. Ritmo che non lascia respiro. Stile che ha fatto scuola. E sorpresona finale. Stranota ormai, ma da me non la saprete. Guardatelo.

 

Questo è il mio omaggio in occasione del compleanno di Kevin Spacey. Realizzato insieme a tutta questa gente qui:

50/50 Thriller
Cinquecentofilminsieme
Combinazione casuale
Cooking Movies
Director's Cult
Ho voglia di cinema
Il Bollalmanacco di Cinema
In Central Perk
Pensieri Cannibali
Scrivenny
Triccotraccofobia
Viaggiando (meno)
White Russian Cinema

20 commenti:

  1. Credo che sia la prima volta che mi imbatto nel tuo blog.
    Buon Kevin Spacey Day!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. queste occasioni servono anche a scoprire nuovi blog, buon KSD!

      Elimina
  2. Questo sì che è un grande film. Con un grande Spacey. Buon KSD

    RispondiElimina
  3. La prima volta che lo vedi, rimani a bocca aperta. Bello, bellissimo!

    RispondiElimina
  4. Altro grandissimo capolavoro, grande Spacey (e quanto si era incazzato Byrne XD)!
    Buon KSD!

    RispondiElimina
  5. finale epocale, quanto al film nel suo complesso mi sa invece che è un tantino sopravvalutato.
    bryan singer non a caso si è poi rivelato un fuoco di paglia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. temevo anch'io che a rivederlo sarei rimasto un po' deluso, invece l'ho trovato ancora perfetto. i due X-Men di Singer sono una gioia per gli occhi, ma lo so che tanto tu i supereroi non li sopporti ;)

      Elimina
  6. Lo vidi ben due volte al cinema, mia sorella uscì di melone per Spacey e me lo ritrovai appiccicato sulla parete della camera... Che film! Peccato che poi Singer abbia fatto il regista dei super eroi, gli inizi erano incoraggianti!
    Buon KSD!!!

    RispondiElimina
  7. Ma chi è Ettore Andenna?!?!?
    Pazzesco, a parte il completino vistoso è Kevin sputato!
    Buon KSD :)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, un conduttore televisivo che tra i Settanta e gli Ottanta fu piuttosto famoso per Giochi senza frontiere e per averne fatto anche una versione tettuta e paesana nelle prime tv locali

      Elimina
    2. Dantes, il commento di Lisa ti fa capire quanto siano giovani, loro. E vecchi, noi. :)

      Elimina
    3. signora mia, sono un po' come dei figli...

      ...

      ...

      ...

      ...

      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah!

      Elimina
    4. taci. che io ogni tanto ci penso. e molti di loro potrebbero esserlo sul serio. cazzo.

      Elimina
    5. figürate! io sono gggiovane

      Elimina
    6. fammi tacere. :)
      ah ah ah ah ah

      Elimina
  8. Singer poi si perse, ma senza dubbio parliamo in questo caso di un grande film, con il miglior Spacey di sempre.
    Anche se continuo a pensare che Sly sarebbe stato un grande Verbal! ;)

    RispondiElimina