domenica 9 giugno 2013

un sogno quasi americano in serbo


Ci sono film che aspetti per anni. Soprattutto quando sono di uno dei tuoi registi preferiti, hanno vinto l'Orso d'Argento a Berlino e non esistono ancora muli e torrenti, solo stupidi problemi di distribuzione. Poi quel film arriva in sala e, quando si riaccendono le luci, dici «Ah». Senza puntini di sospensione, punti interrogativi o esclamativi. Un «Ah» secco, con una punta d'amaro: praticamente un brut, ma con poche bolle. A distanza di una diciottina d'anni dalla sua prima visione, confermo quell'«Ah»: Arizona dream (anche conosciuto come Il valzer del pesce freccia), primo e finora unico film americano di Emir Kusturica, è un melodrammone lieve lieve, una favola senza lieto fine, una dolcissima e dolente incompiuta, l'elogio dell'imperfezione almeno quanto lo è del sogno, con l'ineluttabile certezza che, a dispetto di tutto, quella è l'unica cosa che ci salva, sia che vogliamo fare i pescatori in Alaska o guidare in macchina fino alla Luna o pilotare un aereo fatto in casa o rinascere tartarughe. I protagonisti sono tutti insoddisfatti, tutti anelanti – ma poi chissà se è vero – una vita diversa: da un Johnny Depp ancora ragazzino e già incredibilmente trentenne, a un redivivo, malinconico adorabile Jerry Lewis, più un parco di eccellenti attrici nonché gnocche d'ogni età: Faye Dunaway, Lili Taylor, ma anche l'allora attrice-mannequin Paulina Porizkova (a proposito, che fine ha fatto?). E adesso, lo so che si festeggia Johnny Depp, e che in questo film è davvero bravo, ma il migliore, qui, è (that's incredible! perché a me sta sul cazzo...) Vincent Gallo. Merito del personaggio, ma anche del suo talento: le parti in cui imita Al Pacino e Robert DeNiro sono fenomenali (a proposito, evitate la versione italiana). Sceneggiatura di David Atkins (Novocaine) e curiosa colonna sonora in cui Iggy Pop si sposa a ritmiche tipo Bregovic.


Vi chiederete (ve lo chiedete?): ma perché mai ho ripescato un film del 1992? Ma perché si festeggiano i cinquant'anni di mr Depp! Quindi mettetevi comodi e leggete anche i tributi degli altri cineblogger.

50/50 Thriller
Bette Davis Eyes
Bollalmanacco di cinema
Combinazione casuale
Criticissimamente
Director's cult
Era meglio il libro
Il Cinema spiccio
In central perk
Movies Maniac
Pensieri Cannibali
Recensioni ribelli
Scrivenny
The Obsidian Mirror
Triccotraccofobia
Viaggiando (meno)
White Russian Cinema


16 commenti:

  1. Film che ho sempre trovato affascinante ma in cui non sono mai riuscito ad entrare. A distanza di anni ho capito poi che è Kusturica ad essere totalmente fuori dalle mie corde. Buon JDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non saprei, in fondo è già un Kusturica diverso dal solito... buon JDD!

      Elimina
  2. Questo non l'ho visto... Buon JDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è strano ma merita un recupero, buon JDD!

      Elimina
  3. Certo non il film più riuscito di Kusturica, ma ugualmente affascinante.
    Grande Depp - buon JDD - ma enorme Gallo.
    La scena in cui replica Intrigo internazionale è da antologia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è la scena più geniale e divertente in assoluto, hai ragione!

      Elimina
  4. Me lo sono vergognosamente perso, ahimé!!!
    Buon JDDay!

    RispondiElimina
  5. ... neanche sapevo dell'esistenza di questo film, alla fin fine i 50 anni servono a qualcosa!
    Buon JDD comunque!

    RispondiElimina
  6. Il miglior punto di partenza per chi vuole avvicinarsi al cinema di Kusturica. Recensione magistrale. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io allora partii in quarta vedendo direttamente Underground! :-p Bella rece e da rivedere.

      Elimina
  7. Babol, Lisa: non è un titolo così famoso, ma merita

    RispondiElimina
  8. vincent gallo ovviamente enorme.
    e io ovviamente lo adoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spesso Gallo è insopportabile perché ha un ego che fa provincia! e poi non gli perdonerò mai The brown bunny :D

      Elimina
  9. che dire... era nella top 3 dei film che avrei voluto portare per questa celebrazione :(

    RispondiElimina