lunedì 9 dicembre 2013

se è cinico deve essere il belgio


Ma quante soddisfazioni dà la cinematografia di quel piccolo sputo di nazione incastonato tra Francia, Olanda, Germania e Lussemburgo? Quasi quanto le sue birre. Il problema è che, se qualche birra bene o male arriva, i loro film da queste parti spesso rimangono sconosciuti. Au nom du fils, poi, è pressoché improbabile che esca in Italia. Il film di Vincent Lannoo è uno dei tre che mi hanno fatto gridare yeppa al Torino Film Festival: una commedia nera in cui si riesce a sghignazzare di cose terribili come chiesa e pedofilia, una satira cruda e spietata che vede protagonista una donna (Astrid Whettnall) che, dopo la morte del marito e il suicidio del figlio, scopre che il primo si allenava alla guerra santa contro i musulmani, l'altro era stato abbandonato dal prete che lo aveva circuito. Svalvola (o forse no) e comincia a uccidere tutti i sacerdoti coinvolti in questioni torbide in una escalation degna di Tarantino. Ci si diverte un sacco, alla faccia del politicamente corretto.

5 commenti:

  1. Un po' mi spaventa ma al tempo stesso incuriosisce un sacco. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vai tranquilla, secondo me ti piacerà

      Elimina
  2. Bel film, con diverse scene francamente inaspettate, un anticlericarlismo quasi religioso, una protagonista ferreamente devastata, una delle pochissime sorprese positive del tff 31.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma tu perché non hai un blogghe?

      Elimina
    2. perché so' lettrice e non scrittrice! :-))
      infatti ho scritto sbagliato anticlericalismo! :-(

      Elimina