lunedì 14 settembre 2015

rocking rolling


Non so voi ma, da italiano, leggere la frase Dove eravamo rimasti mi fa piuttosto effetto e mi fa solo pensare a una orrenda pagina di malagiustizia scoppiata nel 1983 e tragicamente conclusa cinque anni dopo. Che aveva di brutto Ricki and the Flash, considerato che la metà dei film che escono dalle nostre parti ha un titolo inglese, a volte anche inventato a Roma? Vabbè, ve lo ricordate Jonathan Demme? Qualcosa di travolgente, Il silenzio degli innocenti, Philadelphia e, restando in tema musicale, Stop making sense? Ecco, lasciate perdere. Brava Meryl Streep, perfetta anche stavolta, pure come cantante, con quel timbro sporco che ti lascia qualche unghiata qua e là. Brava la figlia, bravo e bello Rick Springfield (66 anni?!?), bravi tutti gli altri, bentornato a Kevin Kline, ma... Vi ricordate Diablo Cody, autrice di quella meraviglia di Juno? Stavolta ha attinto dalla sua esperienza di figlia di rocker truzza e fallita, ma il gioco non gli è riuscito poi tanto. Una commedia scontata e un po' vecchiotta, con un cast multietnico e multisessuale che sembra un po' una barzelletta, quattro o cinque battute divertenti (Nirvana, soprattutto), e qualche lacrimone inevitabile sul finale, quando quasi tutti si sfilano il bastone dal culo e iniziano a ballare sulle note del Boss. Ci si poteva aspettare di più? Molto, direi.

11 commenti:

  1. Se c'è la Streep, guarda, non vedo l'ora di vederlo. ;)

    RispondiElimina
  2. La Streep è ovunque, ma è sempre brava in tutte le situazioni..infatti è abbonata alle candidature agli oscar, una vera Attrice

    RispondiElimina
  3. Vado giusto giusto per la Streep (e per vedere la figlia come se la cava...). Comincio a pensare che la Cody, con Juno, abbia avuto la classica botta di c.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamie Gummer se la cava egregiamente, è il film che è poverello

      Elimina
  4. Mah, sì, per carità, per capolavoro cercare altrove, ma visto in v.o. e con lo spirito di chi si aspetta pochino alla fine è grazioso, e per dire, meno prevedibile si Southpaw!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma io Southpaw nimmanco se me lo proiettano sotto casa...

      Elimina
  5. Non mi ispirava per nulla, nonostante Demme, mi sa che a questo punto rimando a data da destinarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, io sono molto curioso del tuo giudizio!

      Elimina
  6. Ma quel Rick Springfield?! Il lungagnone figo finto rock anni '80?!

    RispondiElimina